martedì 7 maggio 2013

E' morto a 92 anni RAY HARRYHAUSEN il re dei pionieristici Effetti Speciali del Cinema da IL RE DELL'AFRICA a SCONTRO DI TITANI prima dell'avvento della CGI.

 E' morto oggi a Londra, all'età di 92 anni, Ray Harryhausen il re dei pionieristici Effetti Speciali del cinema. Nato a Los Angeles nel 1920, fu con 'King Kong' del 1933 che decise d'intraprendere l'arte degli effetti speciali con la stop-motion animation.
Dopo vari provini ottenne di poter lavorare per la Warner a 'Il re dell'Africa' (1949) e successivamente per 'Il Risveglio del Dinosauro' (1953) fu questi due film che Harryhausen utilizzò per la prima volta lo split-screen, una tecnica che in seguito avrebbe chiamato Dynamation e che gli permetteva di dare l’impressione che le sue miniature stessero interagendo direttamente con gli attori. Harryhausen si legò alla Columbia con la quale produsse: 'Il Mostro dei Mari' (1955), 'La Terra contro i Dischi Volanti' (1956), 'A 30 milioni di Km dalla Terra' (1957) e nel 1958 il grande successo di pubblico con 'Il 7° Viaggio di Sinbad'.
Seguiranno poi capolavori come: 'i Viaggi di Gulliver' (1960), 'L'Isola Misteriosa' (1961) e il capolavoro 'Gli Argonauti' (1963) divenuto famoso per la celebre scena del combattimento con gli scheletri. Seguiranno:Base Luna Chiama Terra (1964), Un Milione di Anni Fa (1966), La Vendetta di Gwangi (1969), Il Viaggio Fantastico di Sinbad (1974), Sinbad e l'occhio della Tigre (1977) e infine nel 1981 la sua ultima pellicola, Scontro di Titani che gli valse la candidatura ai Saturn Award per i migliori effetti speciali. Non ha mai vinto un Oscar solo nel 1992 un premio alla carriera quando gli fu assegnato il Premio Gordon E. Sawyer dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences. Il premio riconosce “una persona che ha fornito al cinema un contributo tecnico di livello tale da dare lustro all’intera industria cinematografica”.
Harryhausen ha anche avuto l’onore di ricevere una stella sulla Hollywood Walk of Fame.
http://www.rayharryhausen.com/index.php

Posta un commento