domenica 24 maggio 2015

‪#‎ilRaccontodeiRacconti‬ il commento al film di Benful.


Metti MI PIACE nella nostra pagina Facebook e resta aggiornato sulle principali news dal mondo del cinema, trailer, immagini e curiosità.
SEGUICI SU FACEBOOK: https://www.facebook.com/BoxOfficeBenful
SEGUICI SU TWITTER:  https://twitter.com/BoxOfficeBenful

‪#‎ilRaccontodeiRacconti‬ il commento al film di Benful.
Il film di ‪#‎MatteoGarrone‬ - presentato in concorso all'ultimo Festival di ‪#‎Cannes‬, che si conclude oggi con la cerimonia di premiazione, ci appare ad una prima riflessione un film volutamente incompiuto, ma in questa realtà fiabesca e disturbante fatta di mostri, orrore e scene grottesche c'è un filo conduttore che lega con equilibrio (vedi le ripetute scene del funambolo sul filo, ndr.) tutto il film - composto da tre storie di DONNE (La Regina, La Pulce, Le Due Vecchie) distinte che si alternano tra di loro - ed è l'amore.
Un ossessione quella dell'amore, che porta gli uomini a comportarsi quasi come bestie; la Regina accecata dal desiderio di avere un erede mette a repentaglio la vita del suo Re e priva successivamente il figlio dell'affetto del fratello gemello partorito grazie al cuore del Drago; il potere di un Re "pulce" che sacrifica l'unica figlia ad un orco e infine le due vecchie legate da un legame indissolubile tra di loro che le porta a lottare dalla solitudine fino alla morte.
Il regista ci presenta quest'opera tratta dalla raccolta di fiabe "Lo cunto de li cunti" di ‪#‎GiambattistaBasile‬, un mondo fiabesco che ci viene mostrato dal regista utilizzando location reali, le riprese si sono svolte interamente in Italia tra Napoli (tra cui il Palazzo Reale), Toscana (Vie Cave tra Sovana e Pitigliano, nel Castello di Sammezzano di Reggello e nel Palazzo Vecchio di Firenze), Lazio (a Civita di Bagnoregio), Puglia (a Castel del Monte, Gioia del Colle, Mottola e Statte), Sicilia (nel Castello di Donnafugata e nelle Gole dell'Alcantara) ed Abruzzo (nel castello di Roccascalegna).
Un prodotto costato tra i 12 e i 14 milioni di euro ricco di costumi sontuosi e di una fotografia che a tratti ricorda i quadri di Goya, peccato non aver sfruttato meglio il cast internazionale soprattutto ‪#‎VincentCassell‬ e ‪#‎SalmaHayek‬.
Un film da vedere soprattutto per l'impeccabile messa in scena ma che resterà indigestibile alla massa del pubblico.
Fulvio Bennati

Posta un commento